Dove dormire a Ischia Dove mangiare e i piatti tipici dell'isola verde

Ci sono vari posti in cui è possibile scegliere dove dormire a Ischia. Sono sei  i comuni dell’isola e dipende un po’ da quelle che sono le esigenze del tipo di vacanza che volete realizzare la scelta di dove alloggiare. Sicuramente a Ischia non mancano tantissime opportunità di alloggio. Esistono alberghi a 2 stelle, hotel a 3 stelle, hotel a 4 stelle o anche hotel a 5 stelle, se non gli alberghi extra lusso. Sono disponibili anche numerose case vacanza, bed and breakfast e residence. Le offerte davvero non mancano e sono previsti numerosi pacchetti all inclusive che prevedono sia il pranzo che la cena e la colazione, oltre la possibilità di poter usufruire di sconti e pacchetti vantaggiosi per le terme.

Dormire a Ischia Porto

È consigliabile alloggiare a Ischia Porto se siete un gruppo di giovani oppure una coppia, ma anche una famiglia che ha voglia di stare un po’ più in movimento, approfittando della maggiore presenza di movida e di occasioni by night. A Ischia Porto Infatti si hanno maggiori possibilità di trovare locali aperti fino a tarda sera, così come anche ad Ischia Ponte. Ischia Ponte però un po’ più il fascino del Borgo ma, a dire il vero lo stesso vale anche per le altre città che nel corso degli anni si sono adeguate ai ritmi un po’ più frenetici del turismo.

 

Dormire a Lacco Ameno

È anche possibile decidere di alloggiare in un hotel a Lacco Ameno, essendo una zona un po’ più tranquilla dell’isola di Ischia, ma che darà comunque la possibilità di avere a portata di mano taverne, locali e un piccolo porto turistico da cui partono numerose escursioni in barca sull’isola. Da Lacco Ameno si ha la possibilità di trovare delle baie nascoste in cui fare dei bagni davvero bellissimi nell’acqua cristallina di Ischia. È facile anche raggiungere gli stabilimenti termali ed è una città ben collegata.

 Dormire a Casamicciola Terme

È possibile alloggiare in un bed and breakfast, in una struttura ricettiva, hotel, residence o resort a Casamicciola Terme. Questo comune è abbastanza movimentato ed ha a portata di mano tutti i servizi, oltre a un piccolo porto turistico. A Casamicciola Terme ci sono i maggiori stabilimenti termali e sarà molto più facile riuscire a raggiungerli. La movida è molto tranquilla ed adatta alle famiglie: si hala possibilità di poter però cenare in posti magici e gustare le specialità di Ischia.

Dormire a Forio d’Ischia

Chi vuole avere a portata di mano più attrazioni e scegliere delle spiagge molto più belle o vedere i giardini e alcune chiese particolari, potrebbe scegliere di alloggiare a Forio. Forio è un poco più distante dalla movida di Ischia Porto, ma di certo regalerà delle emozioni romantiche imperdibili. Per le vacanze ad Ischia, Forio rappresenta sinonimo di benessere e di relax. Forio è piena di hotel e strutture ricettive che offrono prezzi a pacchetti all inclusive.

Dormire a Serrara Fontana o dormire a Sant’Angelo

Alloggiare in un residence o un bed and breakfast di Serrara Fontana in località Sant’Angelo o in altre parti di questo comune, significa scegliere una vacanza all’insegna della natura e del relax , dov’è possibile scorgere la bellezza di un borgo davvero senza tempo. Questa parte dell’isola di Ischia vi regalerà delle bellissime emozioni ed è ancora molto legata alle tradizioni millenarie dell’isola. Molto caratteristico è anche il Borgo di pescatori e i vari localini che si trovano in questo posto.

Dormire a Barano d’Ischia

Alloggiare a Barano d’Ischia significa trovarsi pochissimo distante dalla spiaggia dei Maronti e questo significa poter usufruire della bellezza di un territorio davvero rilassante e immerso nella natura. Barano d’Ischia è una parte dell’isola  un po’ più tranquilla rispetto al caos delle altre città. Si trova a 287 metri dal livello del mare ed è vicino alle sorgenti di Nitrodi.

La tradizione vinicola a Ischia

Chi visita Ischia non può non assaggiare le prelibatezze della cucina ischitana che vi sorprenderà perché oltre a essere legata a quella Campana, anche dei piatti tipici davvero imperdibili e si caratterizza per le eccellenze enogastronomiche di questa isola. Innanzitutto, dovete assaggiare il verde rucolino ma anche l’amaro della Piperna che vengono realizzati sul posto ed è possibile trovarlo praticamente ovunque.

I vini bianchi e rossi di Ischia

La Piperna è un erba che cresce sull’ Isola Verde e dà la possibilità di realizzare degli ottimi amari che vale la pena assaggiare. Inoltre, l’aperitivo ischitano offre anche la possibilità di poter assaggiare dei vini davvero eccezionali in quanto la vendemmia è un momento molto atteso di Ischia e della cultura vinicola eccezionale. Tra i vini più pregiati c’è il bianco doc,  tra cui primeggiano il Biancolella  e Forastera. Ha un sapore floreale e fruttato. Poi c’è il vino rosso doc detto Piedirosso, detto anche ‘Per e palummo’. Anche questo vino era utilizzato insieme all’Aglianico per produrre il Falerno. La cultura vinicola ischitana ha origine già dall’antica Grecia.

Cosa mangiare a Ischia

I piatti tipici della cucina ischitana ce ne sono alcuni davvero imperdibili. Innanzitutto, sono da assaggiare il coniglio all’Ischitana che viene cucinato con pochi pomodorini e vino bianco e in base al comune di riferimento, ce ne sono di diversi tipi. Da assaggiare anche i fagioli zampognari, prodotti in zona che sono davvero molto buoni oltre i piatti di mare come baccalà, alici, stoccafisso, lupini e frutti di mare. Un altro piatto tipico di Ischia sono gli spaghetti alla puttanesca, che sono anche qui quando l’architetto Petti ordinò di cucinare una “puttanata qualsiasi” e quindi con pomodorini, olive, capperi, aglio, olio e prezzemolo diede vita gli spaghetti alla puttanesca. C’è anche la zingara, che è un piatto molto semplice e buon. Viene realizzata con prodotti genuini. È una sorta di sandwich fatto con il pane della pizza in alcune varianti e che all’interno può avere un po’ di tutto.

Le altre versioni dei piatti di Ischia

Nella sua versione originale viene fatto con due fette di pane cafone, un po’ di maionese e mozzarella e prosciutto crudo oltre al pomodoro e lattuga. Viene fatto tostare, poi servito. È una volta fu servito nel 1977 in un pub di Ischia Ponte. Da assaggiare anche l’insalata cafona, la zuppa di pesce all’Ischitana, l’insalata caprese, le fave e ventresca per l’aperitivo e vari frutti di mare, ma in particolare sono da assaggiare le alici marinate fritte e alla scapece.

I dolci di Ischia

I dolci, invece meritano un discorso a parte. Infatti, un dolce tipico del carnevale di Ischia è ad esempio il Migliaccio così come anche le chiacchiere, vengono preparate soprattutto in quel periodo. Mentre il Migliaccio conosciuto in tutta la Campania viene realizzato col grano, quello di Ischia viene fatto con gli spaghetti al posto della semola. Inoltre c’è la pastiera di grano che è tipica dei dolci Pasquali e il Casatiello che anche questo viene realizzato Lunedì d’Albis, durante le scampagnate che è un dolce abbastanza semplice.

Dolci natalizi

Dolci tipici della tradizione natalizia ci sono gli struffoli, i roccocò, i mostaccioli, i susamielli e i fichi imbottiti. Mentre tra i piatti tipici di Natale c’è la ‘minestra maritata’, ovvero la minestra arricchita con la carne che viene di solito consumata per il giorno di Santo Stefano. Invece una tradizione di fuori e la pizza di scarole che non manca nel Natale di Ischia.

 

EnglishFrenchGermanItalianSpanish